Raggio: Chiuso
Raggio:
km Set radius for geolocation
Cerca

Sinfonie di Nozze, il vero rito civile

Sinfonie di Nozze, il vero rito civile
Destination Puglia

C’è chi pensa che il rito civile non possa essere una cerimonia emozionante e coinvolgente. Ma si sbaglia. Ci si può sposare in comune, o in una struttura riconosciuta come “casa municipale” autorizzata dal comune ed avere la sensazione di essere avvolti da un’atmosfera meravigliosa, ricca di amore e soprattutto curata in ogni suo dettaglio. Abbiamo intervistato Lisa e Mario, ideatori di “Sinfonie di nozze” , un’idea nata con l’obiettivo di rendere speciale e meraviglioso anche il rito civile.

Come nasce Sinfonie di Nozze?                                                                                                                        

Sinfonie di Nozze nasce per una ragione ben precisa: io e Mario (direttore artistico) volevamo restituire dignità a chi non può più sposarsi in chiesa e a chi decide liberamente di sposarsi solo civilmente. Sappiamo tutti che il matrimonio celebrato in comune (o case municipali) non raggiunge una durata superiore ai 15 minuti e non ha nulla di emozionante, coinvolgente, in quanto “da protocollo” oltre alle generalità degli sposi si leggono i tre articoli del codice civile, si passa alla lettura dell’atto di matrimonio (a meno ché non venga dato per letto) e si conclude con le firme di sposi e testimoni. E se, malauguratamente, si pensa di affidare uno dei giorni più belli della propria vita a una delle figure creative del wedding è la fine! Il rischio è ritrovarsi a riempire vasi di sabbie colorate, o nella peggiore delle ipotesi dover dare dimostrazione del proprio pollice verde e mettersi a piantare un albero. Possiamo, quindi, riconoscere che il rito civile, così come è previsto per lo stato italiano è la sottoscrizione di un contratto e quindi è breve, freddo e, in alcuni casi, rischia di trasformarsi in un disastro.

I tre punti cardine di un rito civile sono il cerimoniale, il celebrante e la cerimonia. Ci spieghi brevemente i loro ruoli                          

Sinfonie di Nozze ha ideato un metodo, creando il cerimoniale, ovvero il testo dell’intera cerimonia scritto per gli sposi e personalizzato in ogni sua parte. Il cerimoniale è frutto di una consulenza lunga 3-4 ore fatta con gli sposi, nella quale viene stabilito ciascun momento della cerimonia. Gli sposi, con l’ausilio dei nostri materiali, scelgono anche alcuni testi e brani musicali. Il cerimoniale viene consegnato al sindaco o al funzionario da lui delegato in qualità di ufficiale dello stato civile a svolgere il rito e permette al rito civile di trasformarsi in una cerimonia. Il celebrante, che si tratti del sindaco, del funzionario comunale o di una persona cara agli sposi delegata per ufficiare le nozze, riceve una vera e propria consulenza formativa, volta a renderlo anche un eccellente comunicatore. Per questo, il celebrante può celebrare una vera cerimonia di nozze solo grazie all’ausilio del cerimoniale

Quale rapporto riuscite a creare con i futuri sposi?                                                                                                  

E’ chiaro che, in particolare, l’esperienza della consulenza porti a toccare aspetti importanti, personali ed intimi di ciascuno. Gli sposi, la loro storia di coppia, oltre quella personale, diventano per noi motivo di responsabilità e attenzione massima: la cerimonia diventa un momento prezioso, da accudire e proteggere! Non saprei cos’altro aggiungere in merito al rapporto che si crea con gli sposi perché, in verità, personalmente li vivo e li sento fortemente e, lo riconosco, ne sono anche un po’ gelosa <3